Fattura

Il senatore australiano presenta un disegno di legge volto a regolamentare il settore delle criptovalute

  • Il senatore Andrew James Bragg ha recentemente annunciato il rilascio di un nuovo progetto di legge, intitolato Digital Assets (Market Regulation) Bill 2022, che prevede una massiccia repressione delle piattaforme di scambio di criptovalute, le stablecoin.
  • Il senatore Bragg ha affermato che l'Australia deve impegnarsi per partecipare attivamente alla "corsa globale per la regolamentazione delle risorse digitali".

Il senatore liberale australiano Andrew James Bragg ha recentemente annunciato il rilascio di un nuovo progetto di legge, intitolato Digital Assets (Market Regulation) Bill 2022, che mira a una massiccia repressione delle piattaforme di scambio di criptovalute, delle stablecoin e dell'attesissima valuta digitale della banca centrale cinese ( CBDC), l'e-Yuan.

In un 18 settembre annuncio, il senatore Bragg ha affermato che l'Australia deve impegnarsi per partecipare attivamente alla "corsa globale per la regolamentazione delle risorse digitali". Ritiene che vi sia un'esigenza urgente per il parlamento di elaborare una riforma legislativa al riguardo.

La nuova bozza di legge richiede standard di licenza per scambi di asset digitali, emittenti di stablecoin e fornitori di custodia di asset digitali. Bragg ha anche chiesto requisiti di divulgazione per i facilitatori dello yuan digitale in Australia.

Durante una recente intervista, il senatore Bragg ha affermato che l'Australia ha "una discreta esposizione al rischio, come economia".

Ha aggiunto:

"Questo è uno dei motivi per cui abbiamo bisogno di un programma serio per la gestione delle interruzioni, la gestione dei rischi, che derivano dallo sviluppo di una CBDC".

Secondo il 38enne, l'obiettivo di questo particolare atto è "fornire un quadro normativo efficace", consentire la "segnalazione di informazioni da parte di alcune banche che facilitano l'uso o la disponibilità dello yuan digitale in Australia", e mira anche a "prevedere compiti aggiuntivi" per gli organi di governo e la "regolamentazione delle attività relative alle risorse digitali e allo yuan digitale".

La proposta di legge è attualmente in attesa di feedback pubblico fino al 31 ottobre 2022.

Da quando è stato eletto senatore nel 2019, Andrew Bragg, un politico australiano pro-cripto, è stato un accanito sostenitore delle criptovalute. Nel tentativo di impedire alle aziende locali di migrare all'estero, il senatore Bragg ha sostenuto un quadro normativo chiaro per le risorse digitali e le società di criptovalute dal 2021.

Il senatore Bragg ha affermato che mentre "presiedeva il comitato" per le risorse digitali, "ha condotto un'indagine su queste questioni" e si è informato sui "rischi e opportunità".

La bozza di legge arriva in un momento in cui la Securities and Investments Commission (ASIC) del paese lancia un "Piano aziendale" strategico quadriennale che si estende fino al 2026. Ad agosto, l'ASIC ha annunciato che si sarebbe concentrata su comportamenti scorretti" in quanto "prodotti e tecnologie emergenti trasformano l'ecosistema finanziario [del paese]".

Nel frattempo, il governo laburista australiano sta tentando di "migliorare il modo in cui il sistema normativo australiano gestisce le criptovalute" attraverso una serie di "riforme delle criptovalute".

Avatar
Parte Dubey Verificato

Un giornalista crittografico con oltre 3 anni di esperienza in DeFi, NFT, metaverse, ecc. Parth ha lavorato con i principali media nel mondo crittografico e finanziario e ha acquisito esperienza e competenza nella cultura crittografica dopo essere sopravvissuto ai mercati ribassisti e rialzisti nel corso degli anni.

Ultime notizie