A causa della repressione in Cina, Huobi Global potrebbe ridurre la sua forza lavoro di oltre 30%

A causa della repressione in Cina, Huobi Global potrebbe ridurre la sua forza lavoro di oltre 30%

  • Huobi Global potrebbe licenziare oltre 30% della sua forza lavoro. Situato alle Seychelles, Huobi è uno degli scambi di criptovalute più conosciuti, con un volume di scambi giornalieri che spesso supera $1,2 miliardi.
  • A causa dell'attuale crisi del mercato, la borsa concorrente Bybit ha fatto un passo simile di riduzione dei costi la scorsa settimana e ha licenziato 30% del suo personale.
  • Ciò è avvenuto dopo che Coinbase (COIN) ha deciso di licenziare più di 1.100 lavoratori. 400 lavoratori sono stati licenziati anche da Crypto.com, BlockFi e altre società.

Huobi globale, uno dei più grandi scambi di criptovalute del mondo, potrebbe essere costretto a licenziare oltre 30% della sua forza lavoro a causa della repressione del governo cinese sul trading di criptovalute.

Fondato nel 2013, Huobi è rapidamente diventato uno degli scambi più popolari e rispettati del settore, servendo milioni di clienti da tutto il mondo. Tuttavia, la decisione della Cina di vietare le criptovalute il trading l'anno scorso ha inferto un duro colpo all'azienda, portando a un forte calo dei ricavi.

Ora, con i suoi costi operativi che superano di gran lunga le sue entrate, Huobi deve affrontare alcune decisioni difficili. La società ha già annunciato l'intenzione di chiudere molti dei suoi uffici all'estero e sembra che altri tagli di posti di lavoro potrebbero essere all'orizzonte.

Anche se questo è senza dubbio un momento difficile per Huobi e i suoi dipendenti, è importante ricordare che l'azienda lo ha fatto superato molte sfide prima e ne esce sempre più forte alla fine. Con una forte leadership e un impegno per l'innovazione, non c'è dubbio che Huobi troverà un modo per navigare in queste acque agitate.

Perché Huobi Global sta riducendo il personale?

Il calo dei prezzi delle criptovalute può essere attribuito a una varietà di fattori. Il fattore più significativo è la maggiore regolamentazione delle criptovalute da parte dei governi di tutto il mondo. A dicembre, la Cina ha represso gli scambi di criptovalute e le ICO, che hanno contribuito al sell-off del mercato. Inoltre, la Corea del Sud ha anche implementato nuove normative sul trading di criptovalute. Queste azioni delle autorità governative hanno reso più difficile per gli investitori il commercio di criptovalute, portando a una diminuzione della domanda e dei prezzi.

Un altro fattore che ha portato al calo dei prezzi delle criptovalute è lo sviluppo di prodotti di investimento alternativi come i contratti futures. I contratti futures sono derivati che consentono agli investitori di scommettere sul prezzo futuro di un asset senza possedere effettivamente l'asset stesso. Il lancio di bitcoin futures da parte di CME Group a dicembre è stato visto come una legittimazione delle criptovalute da parte degli investitori istituzionali. Tuttavia, molti investitori al dettaglio sono stati colti alla sprovvista quando i prezzi hanno iniziato a diminuire subito dopo il lancio, poiché sono stati costretti a liquidare le proprie posizioni in perdita.

Infine, c'è stato un crescente scetticismo sulla fattibilità a lungo termine delle criptovalute come investimento a causa della loro natura volatile. Le criptovalute non sono supportate da alcuna risorsa fisica o garanzia governativa, il che le rende suscettibili a grandi oscillazioni di prezzo. Questa volatilità ha dissuaso alcuni investitori dall'investire in criptovalute, optando per investimenti più stabili come azioni o obbligazioni.

Barinem Pene Verificato

Barry Pene è un severo ricercatore/copywriter blockchain. Barry fa trading di criptovalute dal 2017 e ha investito in questioni che metterebbero l'industria blockchain sul giusto piedistallo. L'esperienza di ricerca di Barry attraversa blockchain come tecnologia dirompente, DeFis, NFT, Web3 e riduzione dei livelli di consumo energetico del mining di criptovalute.

Ultime notizie