La Russia annuncia l'intenzione di utilizzare CBDC per il commercio internazionale con la Cina

  • La Russia è diventata fortemente dipendente dai suoi legami con la Cina mentre le sanzioni occidentali paralizzano la sua economia.
  • Secondo Chainalysis, la Russia ha ricevuto più di $2 milioni di criptovalute dall'inizio della sua guerra con l'Ucraina.
  • I leader mondiali sono preoccupati che la Russia possa sfruttare le criptovalute per eludere le sanzioni.

Un alto funzionario russo ha rivelato i piani del Paese per condurre il commercio internazionale con la Cina utilizzando il suo CBDC. Secondo quanto riferito, la nazione dell'Europa orientale è nella fase pilota della sua CBDC (Central Bank Digital Currency.)

Il funzionario russo ha confermato che l'amministrazione guidata da Vladimir Putin utilizzerà il rublo digitale per il commercio internazionale nel 2023. Le autorità russe stanno attualmente testando il rublo digitale con le banche per il regolamento e ritengono che sarà pronto per il pieno dispiegamento all'inizio del 2023.

Le pesanti sanzioni dell'Occidente hanno ampiamente influenzato la decisione del Paese di passare alle valute digitali. Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno imposto sanzioni economiche alla Russia per la sua invasione dell'Ucraina all'inizio di quest'anno.

 Inoltre, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha recentemente aggiunto 22 persone e due organizzazioni con indirizzi in Russia all'elenco delle sanzioni. In risposta all'intensificarsi delle sanzioni occidentali, la Russia ha cercato attivamente accordi bancari e commerciali alternativi.

Il capo della commissione per le finanze della camera bassa del parlamento russo, Anatoly Aksakov, ha recentemente riconosciuto che le crisi geopolitiche hanno ostacolato l'accesso della Russia al mercato globale. Secondo Anatoly, una valuta digitale nazionale sembra essere la migliore alternativa della Russia al momento. Egli ha detto:

Il tema degli asset finanziari digitali, del rublo digitale e delle criptovalute si sta attualmente intensificando nella società, poiché i paesi occidentali stanno imponendo sanzioni e creando problemi per i bonifici bancari, anche negli accordi internazionali.

Mosca è arrivata a dipendere fortemente dalla sua alleanza con Pechino mentre continua ad affrontare l'isolamento globale. Anatoly ha inoltre osservato che il successo del rublo digitale ispirerebbe altre nazioni a seguire l'esempio e ridurre la loro dipendenza dal dollaro USA.

"Se lo lanciamo, gli altri paesi inizieranno a usarlo attivamente in futuro e il controllo dell'America sul sistema finanziario globale finirà effettivamente", ha aggiunto Anatoly.

Mentre la Russia ha trovato un partner affidabile in Cina, l'Occidente è diventato sempre più preoccupato per questa relazione. Per qualche tempo, la Cina è stata vista come una superpotenza mondiale, con un sostegno economico sufficiente per sostenere la sua causa.

Perché la Russia si è rivolta alle criptovalute?

All'inizio di questo mese, i funzionari russi hanno rivelato che il paese aveva avviato colloqui con un certo numero di nazioni "amiche" sulla creazione di piattaforme di compensazione per gli insediamenti internazionali in stablecoin. Il governo del presidente Putin sta lavorando attivamente per creare una piattaforma bilaterale per evitare di utilizzare dollari ed euro. 

La notizia ha mostrato che la posizione della Russia su criptovaluta e digitale si è ammorbidita dall'inizio della guerra. A luglio, il presidente Putin ha firmato una legge che vieta i pagamenti digitali. Inoltre, la Banca di Russia ha chiesto il divieto di tutte le attività di criptovaluta nel paese.

Ma le nuove leggi attualmente in discussione mostrano che la Russia è diventata aperto all'idea di un'economia supportata dalle criptovalute. Il ministero delle Finanze e la Banca di Russia hanno affermato in particolare che l'attuale situazione del paese rende impossibile fare a meno degli insediamenti transfrontalieri in criptovalute.

Da febbraio di quest'anno, la Russia ha ricevuto diversi aiuti in criptovalute. Secondo a rapporto da Chainalysis, diverse organizzazioni filo-russe hanno ricevuto più di $2 milioni di donazioni di criptovalute (per lo più sotto forma di BTC ed ETH) per sostenere la guerra della Russia con l'Ucraina.

Chainalysis ha identificato un totale di 54 gruppi filo-russi che hanno ricevuto più di $2,2 milioni in BTC, ETH, Tether, LTC e DOGE per supportare i gruppi paramilitari nella regione del Donbas in Ucraina con attrezzature e logistica.

Chainalysis afferma che le organizzazioni filo-russe stanno acquistando armi, droni, giacche protettive, apparecchiature di comunicazione e altri articoli militari con le loro donazioni di criptovaluta.

Mentre le donazioni di criptovalute della Russia impallidiscono rispetto a quelle dell'Ucraina, i leader globali ritengono che tali donazioni rafforzino la Russia nel suo attacco contro uno stato sovrano.

Lawrence Woriji Verificato

Lawrence ha raccontato alcune storie emozionanti nella sua carriera di giornalista, trova le storie legate alla blockchain molto intriganti. Crede che Web3 cambierà il mondo e vuole che tutti ne facciano parte.

Ultime notizie