La sonda Bitcoin gira a sud

La sonda Bitcoin gira a sud dopo il rapporto sui lavori negli Stati Uniti

La principale criptovaluta, Bitcoin, ha lottato per lo slancio dopo l'ultimo rapporto sul lavoro del governo degli Stati Uniti. Il primo venerdì di giugno 2022, il rapporto di Washington ha mostrato che i posti di lavoro non sono cresciuti come previsto a maggio. Ciò potrebbe significare che la Fed sta facendo qualcosa di giusto nei suoi ultimi tentativi di stabilizzare l'economia nelle acque tempestose dell'inflazione. In che modo questo sta influenzando la criptovaluta più preziosa del mondo?

Bitcoin è stato scambiato per $29.500 nelle ore successive all'annuncio, ovvero un calo dell'1,7% in venti ore.

Gli appassionati di criptovalute, i trader e gli analisti hanno seguito attentamente le azioni della Fed perché molti credono che gli oltre $4 trilioni di banconote coniate dalla Federal Reserve Bank negli ultimi anni avrebbero potuto far precipitare i prezzi degli asset rischiosi.

Il presidente Joe Biden e la Fed si sono impegnati a ridurre l'inflazione più rapida a cui gli Stati Uniti abbiano assistito in quattro decenni. Di conseguenza, i prezzi di Bitcoin e delle azioni sono stati sottoposti a forti pressioni.

Nei mercati tradizionali, anche i futures azionari statunitensi sono crollati, così come gli indici europei. Neanche l'oro ha sfidato la gravità, scendendo dello 0,5% a $1.860 per oncia.

Il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti ha aggiunto che i datori di lavoro hanno creato 390.000 posti di lavoro a maggio. Questo è stato un significativo passo indietro rispetto ai 436.000 segnalati ad aprile. Eppure, ha battuto i 325.000 previsti che gli esperti si aspettavano.

MarketWatch ha riportato prezzi più bassi per l'oro dopo che la crescita dell'occupazione ha superato le aspettative. Gli analisti ritengono che l'oro avrà difficoltà se il dollaro USA rimarrà forte nei mercati forex, uno scenario che in teoria sta già accadendo quando la Fed alza i tassi di interesse.

Crypto è diretto in trincea?

Mentre il prezzo di Bitcoin è costantemente sceso al ribasso nelle ultime nove settimane, gli analisti continuano a riflettere se la meraviglia delle criptovalute sia finalmente scomparsa o sia pronta a farlo.

"Crypto Winter" si riferisce al periodo oscuro del 2018 in cui BTC è sceso del 73 percento, accompagnato da un crollo dei migliori token coniati tramite ICO o "offerte iniziali di monete". Le società di criptovalute si sono ridimensionate, i minatori di Bitcoin sono passati rapidamente a nuovi progetti e i titoli dei giornali di tutto il mondo si sono goduti il respiro.

Nei primi cinque mesi del 2022, i prezzi sono scesi del 35% e ci sono indicazioni che una ripetizione del 2018 sia fissata saldamente all'orizzonte.

Due scambi, Coinbase e Gemini, hanno continuato a tagliare i costi in modi non convenzionali. Ciò suggerisce che anche i colossi del settore non stanno trattando il ritiro con i guanti da bambino.

Per quanto riguarda i minatori, Riot Blockchain, il più grande minatore di Bitcoin al mondo su qualsiasi indice, ha smaltito oltre il cinquanta percento dei BTC estratti a maggio. Questa pratica è ormai comune tra i miner di Bitcoin, che sulla scia del calo dei prezzi, stanno mungendo i propri asset per finanziare i budget operativi. I prezzi elevati dell'energia, esacerbati dall'invasione russa dell'Ucraina, continuano a intaccare profitti sempre più bassi.

QCP Capital, estrapolando dal 2018, deduce che Bitcoin potrebbe eventualmente toccare la base a $10.000. Tuttavia, ci è voluto un periodo di circa 1 anno prima che trovasse questo fondo, quindi probabilmente c'è tempo prima che si verifichi questa realtà.

Perché BTC si sta ancora ritirando?

Il ritiro della liquidità di stimolo da parte della Federal Reserve Bank e di altre banche centrali è stata una delle ragioni principali del continuo ritiro. I token più rischiosi hanno beneficiato maggiormente dell'espansione del bilancio di queste banche.

Poiché DeFi e memecoin sopportano i maggiori draw-down e l'inflazione viene controllata, le monete con l'utilità più bassa e i multipli più alti riescono a mantenere l'estremità corta della levetta.

La strada davanti

La spirale discendente di Bitcoin e di altre criptovalute sembra destinata a continuare, ma le cose potrebbero cambiare molto presto. La Fed ha un duro lavoro nel sostenere il suo atto di bilanciamento per l'economia. Probabilmente ci vorranno alcuni dati negativi per effettuare l'inversione della politica attuale, riportando le cose al punto in cui erano una volta. Solo allora Bitcoin potrebbe riguadagnare il suo valore e il suo orgoglio maltrattati.

Barinem Pene Verificato

Barry Pene è un severo ricercatore/copywriter blockchain. Barry fa trading di criptovalute dal 2017 e ha investito in questioni che metterebbero l'industria blockchain sul giusto piedistallo. L'esperienza di ricerca di Barry attraversa blockchain come tecnologia dirompente, DeFis, NFT, Web3 e riduzione dei livelli di consumo energetico del mining di criptovalute.

Ultime notizie