Coinbase

Uno studio conferma che il problema dell'insider trading di Coinbase è più grande di quanto si pensasse

  • Uno studio condotto da tre ricercatori finanziari dell'Università di Tecnologia di Sydney afferma che Coinbase è stato ritenuto colpevole di aver facilitato l'insider trading.
  • Secondo il rapporto, tali attività hanno avuto luogo su un massimo di 25% di elenchi di Coinbase negli ultimi 4 anni.

Tre ricercatori della University of Technology di Sydney, in Australia, hanno recentemente affermato che l'industria delle criptovalute, in particolare l'exchange di criptovalute Coinbase, è piena di insider trading "sistematico".

In una revisione non ancora peer-to-peer rapporto intitolato "Insider Trading in Cryptocurrency Markets", i ricercatori hanno stimato che tra settembre 2018 e maggio 2022, si stima che l'insider trading abbia avuto luogo su 10-25% delle quotazioni di criptovalute sull'exchange di San Francisco. I ricercatori affermano che ciò ha portato a guadagni illegali di almeno $1,5 milioni.  

"I nostri risultati identificano casi che devono ancora essere perseguiti",

scrissero.

La crescente percezione dell'insider trading nelle criptovalute, secondo i professori Ester Felez Vinas, Talis Putnins e il dottorando Luke Johnson, potrebbe scioccare i potenziali investitori informati. Il rapporto ha affermato che potrebbe persino "impedire l'adozione di modi crittograficamente protetti per rappresentare titoli e altri strumenti finanziari".

I ricercatori hanno esaminato 146 Coinbase quotazioni di token e relativi valori da 100 a 300 ore prima che ogni nuova quotazione diventasse attiva sullo scambio per verificare per un periodo di tempo specifico per notare eventuali schemi di scambio insoliti di tali asset negli scambi decentralizzati (DEX), che non necessitano di una prova di identità.

I ricercatori hanno notato un "evidente modello di rincorsa" circa 250 ore prima dell'annuncio della quotazione.

“La corsa continua fino all'evento di annuncio della quotazione, dove assistiamo a un aumento del prezzo a causa dell'ingresso di nuove informazioni nel mercato e della reazione dei trader alle notizie. Il modello di rincorsa che osserviamo è coerente con i rincari nei casi perseguiti di insider trading nei mercati azionari",

si legge nel rapporto.

Sono già state avanzate accuse di insider trading in relazione alle inserzioni di Coinbase. Come riportato da BitcoinWisdom, Ishan Wahi, a ex product manager di Coinbase, è stato accusato dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di accuse relative a presunto insider trading insieme ad altre due persone. Le autorità affermano che Wahi ha partecipato a uno schema in cui lui, suo fratello e un amico hanno utilizzato illegalmente un preavviso di annunci di quotazione delle attività di Coinbase e realizzato un profitto di oltre $1,1 milioni.

Tuttavia, un rappresentante anonimo di Coinbase ha detto a Decrypt che il recente studio non fornisce prove sufficienti di insider trading e "salta alle conclusioni". Tuttavia, lo scambio prende "le accuse di essere in prima linea incredibilmente sul serio", ha aggiunto.

“Lavoriamo duramente per garantire che tutti i partecipanti al mercato abbiano accesso alle stesse informazioni. Come parte di questo sforzo, adottiamo misure per ridurre al minimo la possibilità di segnali tecnici durante i test delle risorse e le fasi di integrazione. Abbiamo tolleranza zero per i comportamenti illeciti e li monitoriamo, conducendo indagini ove opportuno", ha continuato il portavoce di Coinbase.

Avatar
Parte Dubey Verificato

Un giornalista crittografico con oltre 3 anni di esperienza in DeFi, NFT, metaverse, ecc. Parth ha lavorato con i principali media nel mondo crittografico e finanziario e ha acquisito esperienza e competenza nella cultura crittografica dopo essere sopravvissuto ai mercati ribassisti e rialzisti nel corso degli anni.

Ultime notizie