Man mano che le sanzioni si inaspriscono, la Russia allenterà le tasse sugli asset di criptovaluta

Man mano che le sanzioni si inaspriscono, la Russia allenterà le tasse sugli asset di criptovaluta

  • Una proposta di legge ridurrà l'IVA del settore locale delle criptovalute di 35%.
  • In risposta alle sanzioni finanziarie, la Russia sta promuovendo un maggiore utilizzo delle criptovalute.
  • Dall'inizio della guerra in Ucraina, il valore delle criptovalute è diminuito di 46%.

Negli ultimi mesi, la Russia è stata duramente colpita dalle sanzioni occidentali a seguito della guerra con l'Ucraina. Queste sanzioni hanno reso difficile per le imprese russe le transazioni con altre nazioni. Di conseguenza, la Russia lo è stata rivolgendosi alle risorse digitali per aiutare le sue imprese a continuare ad operare.

L'uso delle risorse digitali consente alle imprese russe di eludere le restrizioni finanziarie imposte dalle sanzioni. Inoltre, gli asset digitali non sono soggetti allo stesso livello di regolamentazione degli asset finanziari tradizionali. Questo li rende un'opzione più interessante per le aziende russe che cercano di evitare costose commissioni di conformità.

Nonostante i vantaggi dell'utilizzo delle risorse digitali, ci sono alcuni rischi associati a questo approccio. Ad esempio, le risorse digitali sono spesso più volatili delle risorse finanziarie tradizionali. Questo può renderli un'opzione di investimento meno stabile per le aziende che cercano di proteggere i propri profitti. Inoltre, le risorse digitali sono ancora relativamente nuove e in gran parte non testate nel mondo reale. Ciò significa che esiste il potenziale per problemi imprevisti o problemi che potrebbero sorgere in futuro.

Il governo russo sta cercando di attirare più affari nel suo paese modificando l'imposta sul valore aggiunto (IVA) sulle risorse digitali. Per gli scambi situati in Russia, l'IVA verrà ridotta da 20% a 13% sui primi 5 milioni di rubli all'anno.

Ciò dovrebbe aiutare a stimolare una maggiore attività all'interno dell'industria delle criptovalute in Russia e attirare più attività di scambio. Per le società che effettuano transazioni di asset digitali al di fuori della Russia, verrà comunque applicata un'IVA 15%. Apportando questo cambiamento, il governo russo dimostra di sostenere l'industria delle criptovalute e vuole aiutarla a crescere all'interno dei suoi confini.

Questo è il benvenuto notizia all'industria russa degli asset digitali, che ha lottato per trovare il proprio posto in un contesto normativo spesso ostile all'innovazione. La nuova aliquota IVA renderà più interessante per le imprese operare in Russia e dovrebbe contribuire a stimolare la crescita del settore.

Il governo russo ha adottato misure per legittimare e regolamentare lo spazio delle risorse digitali negli ultimi mesi. Ad aprile, il presidente Vladimir Putin ha firmato un disegno di legge che definisce le risorse digitali e ne regola l'emissione e la circolazione. Il disegno di legge prevede inoltre che le risorse digitali possano essere utilizzate come mezzo di pagamento ma non come moneta a corso legale.

Questi sviluppi suggeriscono che il governo russo si stia gradualmente avvicinando alle risorse digitali e stia cercando modi per sostenerne lo sviluppo. La nuova aliquota IVA è un passo positivo in questa direzione e sarà interessante vedere come si evolverà il settore in Russia nei prossimi anni.

Barinem Pene Verificato

Barry Pene è un severo ricercatore/copywriter blockchain. Barry fa trading di criptovalute dal 2017 e ha investito in questioni che metterebbero l'industria blockchain sul giusto piedistallo. L'esperienza di ricerca di Barry attraversa blockchain come tecnologia dirompente, DeFis, NFT, Web3 e riduzione dei livelli di consumo energetico del mining di criptovalute.

Ultime notizie