Kraken

Il Kraken ha violato le sanzioni? Inizia l'indagine

  • Kraken sta affrontando un'indagine del Tesoro degli Stati Uniti sulla base della violazione delle sanzioni dell'OFAC imposte contro l'Iran
  • L'amministratore delegato dell'exchange, Jesse Powell, ha inviato un messaggio in cui ha rivelato le sue intenzioni di aggirare le sanzioni se ciò andasse a vantaggio della sua azienda

Secondo quanto riferito, la piattaforma di scambio di criptovalute con sede negli Stati Uniti Kraken è sotto inchiesta per presunta fornitura di servizi nell'Iran sanzionato.

Secondo a rapporto dal New York Times, il Dipartimento del Tesoro sta esaminando da vicino lo scambio al servizio degli utenti iraniani e dovrebbe imporre una pesante multa a Kraken.

Il rapporto afferma che i dettagli dell'indagine sono stati confermati da cinque individui anonimi associati alla piattaforma di scambio. 

Secondo quanto riferito, l'indagine è in corso dal 2019. Se le accuse si dimostreranno accurate, ciò renderà Kraken il più grande scambio di criptovalute ad aver mai affrontato un'azione esecutiva dell'OFAC per violazioni delle sanzioni legate all'Iran.

In particolare, queste sanzioni commerciali sono state attuate nel 1979, limitando l'esportazione di qualsiasi prodotto o servizio in Iran dagli Stati Uniti.

Alla domanda, il Chief Legal Officer di Kraken, Marco Santori, ha dichiarato che lo scambio "non commenta discussioni specifiche con le autorità di regolamentazione".

"Kraken monitora da vicino il rispetto delle leggi sulle sanzioni e, in generale, segnala alle autorità di regolamentazione anche potenziali problemi".

Ha continuato ad aggiungere.

Il rapporto afferma che il CEO Jesse Powell, noto per le sue opinioni libertarie, ha condiviso messaggi nel 2019 che indicavano che se i vantaggi per l'azienda superassero i costi di infrangere la legge, Kraken potrebbe farlo.

Settore cripto e sanzioni

Le autorità di regolamentazione di tutto il mondo sono diventate rapidamente diffidenti nei confronti del potenziale dell'industria delle criptovalute di incoraggiare l'evasione delle sanzioni sulla scia degli episodi canadese e russo.

È interessante notare che Powell ha rifiutato l'invito del vice primo ministro ucraino a interrompere volontariamente la fornitura di servizi ai clienti russi a marzo. Ha detto nello stesso Twitter discussione che la sua azienda mira a connettere le persone con le criptovalute "dove le linee arbitrarie sulle mappe non contano più".

"La nostra missione in Kraken è di portare i singoli esseri umani fuori dal sistema finanziario legacy e portarli nel mondo delle criptovalute, dove le linee arbitrarie sulle mappe non contano più, dove non devono preoccuparsi di essere catturati in modo ampio e indiscriminato confisca di beni”.

In risposta a una richiesta del vice primo ministro ucraino Mykhailo Federov che chiedeva agli scambi di cessare i servizi in Russia, Powell ha dichiarato:

Powell, d'altra parte, si è inchinato a malincuore alle autorità canadesi a febbraio quando gli hanno chiesto di imporre sanzioni contro i manifestanti di Freedom Convoy.

Il Fondo monetario internazionale ha lanciato un avvertimento ad aprile secondo cui la Russia potrebbe utilizzare i minatori di Bitcoin per aggirare le sanzioni. In effetti, a causa dei potenziali vantaggi che la Russia potrebbe avere nel settore, il presidente Putin ha espresso un sincero interesse per il mining di bitcoin.

Avatar
Parte Dubey Verificato

Un giornalista crittografico con oltre 3 anni di esperienza in DeFi, NFT, metaverse, ecc. Parth ha lavorato con i principali media nel mondo crittografico e finanziario e ha acquisito esperienza e competenza nella cultura crittografica dopo essere sopravvissuto ai mercati ribassisti e rialzisti nel corso degli anni.

Ultime notizie